Dolce Natale!

Dolce Natale!

Abbiamo corso, nuotato, sollevato chili e chili di pesi in palestra, digiunato da mesi e finalmente è arrivato il momento di concederci qualche vizietto! Poi diciamoci la verità: che Natale è senza dolci?

La cucina italiana ovviamente nel periodo natalizio non può certo sfigurare, ed è così che da nord a sud dello stivale in questo periodo le calorie salgono più dello spred! Per la gioia di tutti i golosi (e non) ho deciso di fare un piccolo tour gastronomico tra i dolci natalizi più famosi d’Italia.

Partendo da nord il primo dolce che incontriamo è lo “Zelten”, un dolce a base di brutta secca e canditi tipico del Trentino Alto Adige. La ricetta risale addirittura al 1700.

Un dolce con quasi 500 anni di storia e le cui origini affondano quasi nella leggenda; il panettone è insieme al pandoro uno dei dolci “simbolo” del Natale, tipico lombardo ma diffuso ormai in tutta Italia.   

L’altro “simbolo” del Natale insieme al panettone è sicuramente il pandoro. Un po’ più giovane del “nemico” nasce come evoluzione di un altro dolce veronese: il Nadalin.

I cantucci sono uno dei dolci più diffusi in tutta la Toscana. A base di  mandorle sono perfetti soprattutto accoppiati al Vin Santo.

Restiamo in Toscana per parlare del panforte. Nato come dolce destinato ai nobili, ai ricchi e al clero è diventato un dolce “popolare” nel 1879 grazie alla regina Margherita.

Struffoli, cicerchiata, purceddhuzzi…cambia il nome ma non la sostanza! Dolce fritto ricoperto da miele e frutta candita è sicuramente una delle prelibatezze più apprezzate soprattutto nel meridione.

Diffuso in varie regioni d’Italia, il torrone arriva lungo le coste del Mediterraneo grazie agli arabi. Ne esistono tantissime vairetà: duro, morbido, mandorlato, nocciolato…

Anche i mostaccioli cambiano nome a seconda della zona. Ciò che li rende inconfondibili è la forma romboidale, la copertura di glassa e l’interno morbido.

Scendendo più a Sud troviamo le cartellate, tipici dolci pugliesi dalla forma appunto “incartocciata”!

E chiudiamo il tour con l’ultimo dolce. Pasta frolla, fichi secchi, uva passa, mandorle, scorze d’arancia: questi gli ingredienti del buccellato siciliano!

Non vi è venuta un po’ di fame? 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *