Roma: la grande bellezza!

Roma: la grande bellezza!

Prima la vittoria come miglior film straniero ai Golden Globe 2014 ora la candidatura all’Oscar sempre come miglior film straniero. La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino non teme la concorrenza e sbaraglia tutti!

Che abbiate apprezzato o meno il film, il merito di Sorrentino è stato quello di averci fatto vedere una sempre splendida Roma, forse in una veste un po’ “immobile” ma non per questo meno fascinosa.

Che ne dite allora di ripercorrere alcune scene del film ma soprattutto di fare un giro “virtuale” nella Capitale? (Non vi svelo il finale, lo prometto)

Il film si apre con un coro di donne cantanti in una giornata di sole sulla balaustra del “fontanone” meglio conosciuta come fontana dell’Aqua Paola. Situata alla sommità del Gianicolo è la parte terminale dell’acquedotto dell’”Acqua  Paola”  ripristinato tra il 1608 e il 1610 da papa Paolo V.

Il maestoso Colosseo, insieme ai Fori imperiali e al Circo Massimo, è spesso ripreso nel film. Infatti il protagonista del film Jep Gambardella (Toni Servillo) ha una bellissima casa con vista panoramica proprio sull’Anfiteatro Flavio.

La sequenza più “fiabesca” è quella in cui Jep e Ramona (Sabrina Ferilli) vagano per i palazzi più belli e importanti della nobiltà romana fino ad arrivare sul Colle Aventino dove dal famoso “buco della serratura” di un portone è possibile vedere la cupola di San Pietro.

Dobbiamo spostarci un po’ fuori dal centro per la scena ambientata al Parco degli Acquedotti, un’area verde di Roma il cui nome deriva dalla presenza di sette acquedotti romani che rifornivano l’antica Roma. Nella scena qui ambienta, Jep intervistando un’artista ultrasensibile, fa il verso all’intellettualismo ostentato e ai gusti artistici dell’elite.

Piazza Navona fa da cornice alla passeggiata di Jep con Orietta (Isabella Ferrari). “Cosa fai nella vita?” chiede Jep e lei: “Sono ricca”.

Siete già stanchi? Ci sarebbero tantissime altre cose da vedere: Palazzo Braschi, Villa Medici, Musei Capitolini, Terme di Caracalla, Tempietto di San Pietro in Montorio…

Va bene, rimandiamo all’Oscar e intanto incrociamo le dita! 😉

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *